Linkem: meglio il modem fisso o portatile?

Linkem: meglio il modem fisso o portatile?

Per scegliere la migliore offerta Internet per la casa è necessario, prima di tutto, conoscere le proprie abitudini di navigazione. Accanto alle tradizionali connessioni via cavo, come ADSL e Fibra Ottica, esistono infatti gestori come Linkem che propongono la banda larga WI-Fi, con modem fisso o portatile.

Proprio la portabilità del modem è uno dei grandi vantaggi della banda larga wireless, da molti considerata solo un’alternativa all’ADSL e alla Fibra Ottica per le zone con scarsa copertura o per gli edifici, soprattutto nei centri storici, che presentano degli ostacoli nell’installazione della linea telefonica.

Tutte le offerte Linkem, in abbonamento e prepagate, consentono all’utente di scegliere tra il modem fisso e quello portatile, con il secondo che si distingue per il prezzo che può essere più contenuto e per la possibilità di utilizzo in ogni area dove è presente la copertura del gestore, come in una seconda casa. Allora, perché non scelgono tutti il modem portatile? Il motivo principale consiste nella capacità di agganciarsi all’antenna Linkem per ritrasmettere la connettività Internet ai dispositivi Wi-Fi della casa: il modem fisso è posizionato all’esterno delle mura domestiche, spesso sul balcone, ed è quindi la scelta ideale in condizioni di segnale debole.

Quanto costano i modem Linkem? In caso di offerta prepagata, il costo del modem è abbinato a quello della connettività e varia in base al taglio di ricarica acquistato: con 4 mesi si pagano 99 euro per il modem portatile e 149 per quello da esterno, mentre con 12 mesi il prezzo è di 269 euro per entrambi i dispositivi. Con l’abbonamento, invece, è previsto il costo di 3 euro al mese, sia per il modem portatile che per il fisso, aggiuntivo rispetto ai 21,90 del canone mensile. La differenza c’è in caso di recesso prima dei 24 mesi: il costo della disattivazione è di 50 euro per il modem da interno (portatile) e di 100 euro per quello fisso.