• Offerte ADSL >
  • Open Fiber: parte la sperimentazione del 5G a L'Aquila

Open Fiber: parte la sperimentazione del 5G a L'Aquila

Open Fiber: parte la sperimentazione del 5G a L'Aquila

Open Fiber e Wind hanno dato inizio al progetto sperimentale sulla rete 5G a L'Aquila dopo essersi aggiudicate il bando del Ministero dello sviluppo economico.

Il progetto riguarda anche il Comune di Prato e ha come obiettivo la costruzione di una Città 5G con servizi innovativi alle famiglie e alle imprese in ambiti come la salute, la mobilità, la sicurezza, la prevenzione e la gestione delle emergenze.

Il 5G è una nuova tecnologia che può portare cambiamenti reali nella rete e nei servizi a disposizione dei cittadini creando delle vere e proprie Smart Cities. Come sottolineato da Open Fiber, i servizi implementati coinvolgeranno sicurezza, salute, Industria 4.0, mobilità smart e infrastrutture.

In questi giorni sono stati presentati alcuni esempi di cosa sarà realizzato: un sistema di monitoraggio di edifici, per segnalare eventuali anomalie e criticità strutturali, una soluzione innovativa per identificare la filiera produttiva nell'agro-alimentare per certificare l’autenticità della produzione e del Made in Italy, degli strumenti di Realtà Virtuale e Realtà Aumentata, mediante visori e Smart Glasses destinati alle forze dell'ordine e ai beni culturali, un sistema di Telemedicina e Monitoraggio remoto dei pazienti e una soluzione di viabilità evoluta.

Così ha commentato Pierluigi Biondi, sindaco dell’Aquila: Il futuro è alle porte. La sperimentazione della tecnologia 5G nel Comune dell’Aquila aprirà la strada a nuovi e innovativi servizi, rendendo la nostra città realmente smart e migliorandone la qualità della vita. La ricostruzione della città, post terremoto, acquista una connotazione ancora più sfidante, diventando reale rigenerazione urbana.

Il progetto, che prevede una fase sperimentale di 4 anni, dal 2017 al 2021, ha come partner università, centri di ricerca e aziende. Le caratteristiche di questa sperimentazione la rendono replicabile anche in altre realtà territoriali in Italia e in Europa, un vero passo in avanti nell'agenda digitale del nostro Paese.